Glossario dei termini giuridici

ECRIS - European Criminal Records information System

E’ il sistema informativo del Casellario europeo, che consente l’interconnessione telematica dei casellari giudiziari e rende effettivo lo scambio di informazioni sulle condanne fra gli stati membri in un formato standard comune a tutti.
Ecris dà completa attuazione alla Convenzione europea di mutua assistenza in materia penale del 21 aprile 1959, la quale ha previsto che ciascun Paese membro, nel condannare un cittadino di altro stato europeo, informi della condanna il paese di nazionalità del cittadino stesso (art.22 Convenzione).
L’avviso di condanna ha lo scopo di consentire la conservazione presso il casellario giudiziale di nazionalità sia delle condanne nazionali sia di quelle europee, relativamente ai cittadini di quello stato.
L’autorità giudiziaria di ogni stato membro, con una semplice richiesta al casellario di nazionalità, può così conoscere i precedenti penali di un cittadino europeo in ordine all’intero ambito comunitario (art. 13).
Il sistema consente all’autorità giudiziaria procedente nei confronti di un soggetto di accedere ai seguenti servizi:
Nei procedimenti penali a carico di un cittadino italiano: Accesso alla banca dati ECRIS presso il casellario centrale italiano per conoscere le sentenze penali di condanna definitive eventualmente emesse a carico di quel cittadino dalle autorità giudiziarie dei paesi membri interconnessi;
Nei procedimenti penali a carico di un cittadino europeo: Accesso al casellario centrale del paese di cittadinanza per ottenere il certificato penale europeo che menziona:
le sentenze penali di condanna definitive eventualmente emesse nei confronti di quel cittadino dall’autorità giudiziaria del Paese di cittadinanza;
le sentenze penali di condanna definitive eventualmente emesse nei confronti di quel cittadino dalle autorità giudiziarie dei Paesi membri interconnessi e raccolte presso il Casellario centrale del Paese di cittadinanza.
Nei procedimenti penali nei confronti di un cittadino extracomunitario: Accesso al casellario centrale di ciascun paese membro interconnesso nel quale si abbia ragione di ritenere che il soggetto abbia avuto dimora negli ultimi cinque anni, per conoscere le sentenze penali di condanna definitive eventualmente emesse nei confronti di quel cittadino dall’autorità giudiziaria del paese membro interconnesso al cui casellario centrale si sta accedendo.
La normativa italiana, attualmente vigente in materia, prevede che ogni sentenza straniera debba essere riconosciuta attraverso la procedura di delibazione (art. 730 c.p.p.), prima di essere inserita nel certificato del casellario, ed acquisire la stessa valenza delle sentenze italiane.
Prima del riconoscimento, la documentazione relativa alle sentenze straniere non ha quindi valore certificativo.
La procedura di riconoscimento sarà superata quando l'Italia darà attuazione alle decisioni quadro del Consiglio dell'Unione europea che prevedono il mutuo riconoscimento della sentenze straniere.

Torna al Glossario